Migranti – Valigia Blu

Menu

A Napoli l’arte diventa un ponte fra culture

Indossano sari sgargianti, oppure veli colorati, o tuniche, o più semplicemente sono vestiti all’occidentale. Vengono da paesi stranieri e si sono lasciati dietro le spalle il dolore e la fatica del viaggio. Ora vogliono conoscere meglio il luogo che li ospita. È questo l’identikit dei partecipanti al corso «Arte, un ponte tra culture» promosso dal Fai in collaborazione con l’associazione «Amici del Fai» e con il contributo delle Gallerie di Palazzo Zevallos Stigliano, polo museale e culturale di Intesa Sanpaolo a Napoli. Non si tratta di un identikit immaginario: analoghe iniziative si sono già svolte con successo a Milano e a Brescia e i resoconti delle lezioni e delle visite sono consultabili on line. I partecipanti mostrano volti attenti e interessati: è proprio questo l’obiettivo dell’iniziativa. Coinvolgere i cittadini stranieri e farli sentire «a casa» attraverso la conoscenza del patrimonio storico, artistico e culturale locale. «È il solo modo», spiega Maria Rosaria de Divitiis, presidente dei Fai Campania, «di legare le persone ai luoghi che abitano, aiutandoli a rendersi conto della storia di Napoli e della sua cultura. E serve anche a noi, perché nonostante tutto a volte restiamo inclini alla diffidenza. La cultura è il modo migliore per farci conoscere».

Da Corriere del Mezzogiorno


Segnalato da:
Francesco Palmieri

Categories:   Segnalazioni

Comments